L’Inail, con l’allegato comunicato, ha fornito alcuni chiarimenti ad integrazione e parziale rettifica delle disposizioni già emanate, in relazione agli adempimenti sospesi a seguito dell’emergenza da Covid-19.

In particolare, è stato comunicato il differimento dell’apertura dei servizi online di due giorni, con conseguente slittamento anche della chiusura, al fine di poter effettuare gli adempimenti relativi alla trasmissione della dichiarazione delle retribuzioni 2019, tramite il servizio “Alpi online” e delle domande di riduzione del tasso medio per prevenzione con la relativa documentazione probante, tramite il servizio “Riduzione per prevenzione”.

Pertanto,  gli interessati, senza inoltrare contestualmente il modulo di sospensione, potranno utilizzare sia il servizio “Alpi online” che quello “Riduzione per prevenzione” nel periodo compreso tra il 4 maggio e il 20 maggio 2020.

In merito alla sospensione dei versamenti di cui all’articolo 62, comma 2, lettera c), decreto legge 18/2020, la stessa si applica a tutti i premi assicurativi, indipendentemente dal fatto che il loro accertamento derivi o meno dall’autoliquidazione 2019/2020.

La sospensione spetta per i versamenti che scadono nel periodo compreso tra l’8 marzo 2020 e il 31 marzo 2020 e riguarda anche i versamenti delle rate mensili di cui all’articolo 2, comma 11, del decreto-legge 9 ottobre 1989, n. 338, inclusa la prima, se scade nel periodo di sospensione. Tutte le rate sospese dovranno essere versate con decorrenza giugno 2020, unitamente alla rata in scadenza in tale mese.

In attesa del servizio online per la comunicazione delle sospensioni, è necessario che i beneficiari comunichino di avere i requisiti per usufruire della sospensione, inoltrando una Pec alla sede competente.

Riapertura servizi online e sospensione art62 DL18