Province e Città Metropolitane hanno tempo fino al 15 luglio per presentare la domanda di ammissione al Fondo Progettazione Enti Locali. Lo fa sapere, con un comunicato, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

I fondi ammontano complessivamente a 17.412.500 euro e sono quelli previsti per il 2020 dal DM 46 del 18 febbraio 2019.

Per presentare le domande di ammissione al Fondo progettazione Enti locali, le Province e le Città Metropolitane, dal 16 maggio al 15 luglio 2020, possono accedere all’applicativo informatico predisposto da Cassa Depositi e Prestiti S.p.A.

Gli Enti potranno utilizzare anche le economie eventualmente realizzate sulle progettazioni ammesse a cofinanziamento statale dal decreto direttoriale 14458 del 3 dicembre 2019, a valere sulle risorse stanziate per gli anni 2018 e 2019.

Il Fondo Progettazione Enti Locali, cos’è e come funziona

Il Fondo Progettazione Enti Locali è stato istituito dalla legge di Bilancio per il 2018 (Legge 205/2017) ed è destinato a cofinanziare la redazione dei progetti di fattibilità tecnica ed economica e dei progetti definitivi degli Enti locali per la messa in sicurezza degli edifici e delle strutture pubbliche di esclusiva proprietà dell’ente e con destinazione d’uso pubblico, con priorità agli edifici e alle strutture scolastiche.

Per il funzionamento del Fondo sono stati previsti 30 milioni di euro all’anno dal 2018 al 2030, ma per la fase di prima applicazione sono stati resi disponibili i primi 90 milioni di euro, che copriranno la progettazione degli interventi dal 2018 al 2020.