Gli enti locali a breve bandiranno gare di progettazione per interventi, di ristrutturazione o nuova costruzione, di edifici scolastici.

È stato, infatti, pubblicato in Gazzetta ufficiale il DM 175/2020 che sblocca 510 milioni di euro, destinati alla programmazione unica nazionale per il triennio 2018-2020 e assegna subito alle Regioni circa 420 milioni di euro per l’edilizia scolastica.

Edilizia scolastica: in arrivo bandi per progettazioni e lavori

Con la pubblicazione ufficiale, gli enti locali sono autorizzati ad avviare le procedure di gara per l’affidamento dei successivi livelli di progettazione e per l’esecuzione dei lavori.

Il termine entro il quale devono essere affidati i lavori cambia a seconda della tipologia d’intervento:
– per gli interventi il cui importo lavori è inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria il termine è di 12 mesi decorrenti dalla data di pubblicazione, cioè a partire dal 6 maggio 2020;
– per gli interventi di nuova costruzione o di importo pari o superiore alla soglia di rilevanza comunitaria, in diciotto mesi, decorrenti dalla data di pubblicazione cioè a partire dal 6 maggio 2020.

Gli enti locali potranno contare su un’anticipazione, fino al 20% del finanziamento; la restante somma potrà essere richiesta solo successivamente all’avvenuta aggiudicazione dei lavori e sarà erogata sulla base degli stati di avanzamento lavori o delle spese maturate dall’ente, debitamente certificati dal responsabile unico del procedimento.

Interventi nelle scuole: le risorse assegnate

Ricordiamo che il decreto dà il via libera al finanziamento dei primi 280 interventi, per un totale di 420.907.035,62 euro, in base alle proposte già pervenute dalle Regioni al Ministero.

Questa prima tranche di finanziamenti del Piano 2019 sarà erogata in modo diretto per permettere alle regioni di agire in maniera mirata e rapida.

Le risorse residue, pari a 89.092.964,38 rispetto allo stanziamento complessivo di euro 510.000.000, saranno sbloccate con un successivo decreto.