Un invito ad adottare tutti gli atti necessari ad esercitare, fin da subito, i poteri derogatori previsti dall’articolo 2 del decreto Semplificazioni (DL 76/2020). Questo il contenuto della lettera inviata ieri dalla ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola de Micheli alle due principali stazioni appaltanti del Gruppo FS, Anas e Rete Ferroviaria Italiana.

La ministra De Micheli ha sostanzialmente invitato le due stazioni appaltanti ad operare in deroga ad ogni disposizione di legge, escluse quelle penali, così come previsto dall’articolo 2 del decreto 76, per ciò che concerne l’attività di esecuzione dei lavori, la progettazione e l’esecuzione dei contratti.

Si consente in tal modo, nelle more del perfezionamento dell’iter amministrativo dell’articolo 9 dello stesso decreto relativo alla nomina dei commissari straordinari, di procedere all’apertura di cantieri relativi anche ad opere caratterizzate da un’elevata complessità progettuale, difficoltà esecutiva ed attuativa, criticità tecnico-amministrative o in caso di  interventi con ricadute importanti sul tessuto socio economico. Un invito questo che conferma il forte cambio di prospettiva che il governo e il legislatore vogliono imprimere al settore delle opere pubbliche al fine di potenziare la crescita del Paese.

Fonte: MIT